Recensione- La Dea Dimenticata – Giorgio Baietti

La Dea Dimenticata

Vita morte e miracoli di due sognatori, Francesco Grignaschi e David Lazzaretti, la storia dei Magnetici.

Di

Giorgio Baietti

Verdechiaro Edizioni Nexus Edizioni

 

Oggi vi parlerò de La Dea Dimenticata di Giorgio Baietti, e lo faccio partendo da una copertina molto suggestiva; La Madonna di Edvar Munch, uno dei miei pittori preferiti, un olio su tela in cui si mescolano sacro e profano, rosso e nero, amore e morte, carica sensuale in un contesto di passione spirituale, un fascino che toglie il respiro. I due protagonisti di questo esaustivo saggio sono Francesco Grignaschi e David Lazzaretti, due figure vissute nella metà dell’800 e che ebbero grande risonanza all’epoca nella chiesa e tra i loro fedeli. Perseguitati dalla giustizia, subirono processi basati su false testimonianze e ritrattazioni perché ritenuti personaggi scomodi.

Don Grignaschi, misterioso e carismatico, era il parroco di un paesino di montagna in Piemonte, Cimamurela, e durante una celebrazione domenicale, sentì una voce, gli annunciava un grande compito: sarebbe diventato l’incarnazione di Gesù Cristo in terra. Redimere e ripulire il mondo!


Il sacerdote emana spiritualità, il magnetismo era tale che il paesino cambiò totalmente; le persone non litigavano più, nessun crimine, cordialità e carità cristiana era la quotidianità, e lo fece con l’aiuto di tre donne che incarnavano il “femminino sacro”.

Grignaschi credeva fermamente nell’ altra metà del cielo ed esaltava la virtù femminile alla massima potenza.La donna, secondo i suoi insegnamenti non doveva essere solo parte della chiesa, ma la protagonista assoluta

Il mondo poteva essere salvato grazie alle sue virtù che ne esaltano la massima potenza. Ma la beatitudine di questo paesino e dei suoi abitante avrà fine quando un processo del tutto assurdo condannò Don Grignaschi e suoi seguaci:
Ed a chi crederemo noi, se non crediamo a Dio?”

Queste furono le parole di don Ferraris lanciate ai giudici e che dovevano giudicare anche lui e alle sue “scelleratezze”

Forse è vero gli uomini giudicano ciò che non possono credere e toccare, esempi così sono tanti in tanti secoli, in cui si andava a caccia di streghe.

“I più puri, quelli che hanno toccato con la mano e con il cuore il mistero del Nuovo Messia, gli rimangono fedeli.”

Di Grignaschi non rimarrà molto nella storia, tutto ciò che si poteva fu distrutto come alcuni scritti che ne ricordavano le gesta come il famoso libretto del Crux Cruce scritto dal notaio Provana

Di David Lazzaretti invece sono rimasti numerosi documenti e anche sonetti scritti di suo pugno, e i suoi seguaci che hanno fondato comunità ancora attive oggi

Il suo messaggio di pace e di giustizia per un mondo libero dalla povertà ha radicato fino in Francia e la sua divulgazione lo ha reso un uomo leggendario, ma non fu ben accolto da una manciata di “benpensanti”.


Due personaggi legati anche da una figura che conosciamo molto bene; san Giovanni Bosco

Da Una prima lettura può sembrare un libro difficile, ma in realtà l’analisi, la ricerca, dettagliata documentazione fanno sì che ogni passaggio è di facile comprensione, il linguaggio è molto scorrevole, Giorgio Baietti narra fatti e documenti con semplicità, ma con straordinaria precisione.

Tutto molto interessante, a volte siamo completamente all’oscuro della conoscenza di alcuni personaggi del passato, ne ignoriamo la presenza e l’importanza, molto bello anche in cui i personaggi sono analizzati nel contesto storico dell’epoca.

Molte delle valutazioni durante i vari dibattimenti, sono molto attuali, come si pongono le mentalità oscurantistiche nel formulare giudizi senza prove , ma solo per tacere una voce che non si vuole ascoltare!

Un libro completo ed esaustivo, ci sono atti processuali, foto e documenti dell’epoca, un saggio straordinario che si ricollega ai misteri di Rennes le Chateau

 

Autore

Giorgio Baietti è laureato in sociologia  all’Università di Urbino e lettere all’Università di Genova, da oltre vent’anni si occupa dei supposti enigmi riguardanti Rennes le Château, un piccolo paesino francese situato nell’Aude, legato alla discussa figura dell’abate Bérenger Saunière

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: