Recensione-Occhi chiusi spalle al mare- Donato Cutolo

Titolo: Occhi Chiusi Spalle al Mare

Autore: Donato Cutolo

Colonna Sonora: Rita Marcotulli

Voce: Sergio Rubini

Edizione: Spartaco 

Pubblicazione:2017

Pagg: 143

In questo libro c’è una voce, quella del bravissimo Sergio Rubini; c’è una musica, quella della compositrice Rita Marcotulli e c’è la delicata penna di Donato Cutolo che per  Edizioni Spartaco ci regala un libro senza alcun dubbio Bellissimo: Occhi chiusi spalle al mare.

https://youtu.be/4jK2tXszefk

Ci sono di libri che emozionano a tal punto da farti restare senza parole, Occhi chiusi spalle al mare è uno di questi.

Donato Cutolo ci porta a Isonta, isola immaginaria nel sud Italia e meta ambita per sbarchi clandestini. Piero vive con il padre, o meglio un’immagine sbiadita di un padre; autoritario

e completamente anaffettivo, L’ingegner Mauro Righieri, artefice soprattutto della grande speculazione e cementificazione edilizia di Isonta, capace di  badare solo ed esclusivamente ai propri interessi, e dopo la morte della madre Viola, con la quale condivideva l’assenza  di un padre, e di un marito, l’unico sfogo che ha è il disegno.  La matita e il foglio rappresentano il suo piccolo mondo, dove rifugiarsi e ricordare la sua amata Viola, la madre. Le sue paure, le sue fragilità vengono fissate su un foglio bianco che prende vita tratto dopo tratto .

La sua vita cambierà quando per caso, in uno stabile abbandonato, conoscerà Jasmine e Youssef.

“Lei accennò un sorriso. Così dolce che incatenò Piero per sempre a quel volto”

È la storia di una famiglia ormai silenziosa e senza amore, la famiglia di Piero che non esiste più, ma è anche la storia amara e triste di un’altra famiglia divisa, spezzata dalla guerra, la storia di tante famiglie che scappano da una guerra assurda, affrontando viaggi pericolosi su improbabili imbarcazioni:

“L’unica soluzione per scappare via da quel lembo maledetto, era il mare. Nel campo erano tanti i racconti di chi era riuscito ad  attraversarlo per raggiungere l’Europa”.

In pochi si salvano, lo vediamo in tv, sui giornali, leggiamo le loro storie, ma fondamentalmente non ci soffermiamo più di tanto, perché?

Perché chiudiamo gli occhi e diamo le spalle al mare.

Ma Piero non lo fa, Youssef e Jasmine rappresentano il suo riscatto, il riscatto di chi ha vissuto sempre nell’ombra, nel silenzio, un silenzio che fa più rumore di un urlo, un silenzio che fa male.

Non immaginate però questo libro come qualcosa di triste o doloroso, è tutt’altro.

Occhi chiusi spalle al mare è una musica dolce, è una delicata armonia che si mescola alla scrittura evocativa e suggestiva di Donato Cutolo.

È una rapida e precisa pennellata di un autore che riesce a entrare nella nostra anima quasi in punta di piedi, delicatamente ma scevro dall’essere lezioso o sdolcinato.

La scrittura di Donato senza esagerare… è meravigliosa.

Una narrazione potente e di grande impatto emotivo, la sua scrittura è curata senza essere pretenziosa o verbosa, una scrittura che si distingue per forza e unicità.

Lo scrittore affronta il dramma del flusso migratorio, degli sbarchi e dei clandestini, collegando anche le varie etnie, le varie storie e le motivazioni che portano alle numerose traversate.

I tre ragazzi rappresentano la forza, il coraggio, ma soprattutto rappresentano una mano tesa verso chi è in difficoltà, una mano tesa verso il futuro.

È una storia d’amore, di amicizia, di famiglia, uno spaccato intimo e tenero che ti attraversa il cuore, e t’invita ad aprire gli occhi davanti al mare.

Per questo breve e intenso romanzo ringrazio Tiziana di Edizioni Spartaco, e naturalmente l’autore che mi ha regato una grande emozione, e ancora tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo raro gioiello. 

DonatoCutolo è scrittore e compositore.

Ha pubblicato i romanzi Carillon( colonna sonora di Fabio Tommasone e Donato Cutolo);Vimini (colonna sonoro di Fausto Mesolella); 19 dicembre’43 (colonna sonora di Fausto Mesolella, Daniele Sepee voce di Paolo Rossi).

Rita Marcotulli è compositrice e pianista di fama internazionale, vincitrice di Ciak d’oro, Nastro d’argento, David di Donatello, Premio Top Jazz.

Sergio Rubini è attore, regista e sceneggiatore, vincitore di Ciak d’oro,Globo d’oro, Nastro d’argento David di Donatello.

Articolo di Loredana Cilento

Annunci

3 risposte a "Recensione-Occhi chiusi spalle al mare- Donato Cutolo"

Add yours

  1. Aldilà del libro, ho ritrovato con piacere il nome di Sergio Rubini. Un regista che porta il le atmosfere grottesche e fantastiche dei sogni nelle dinamiche contraddittorie della realtà per lambire i confini e sancirne talvolta la banale inconsistenza.
    Sono felice di aver trovato il tuo blog. I libri e le recensioni degli stessi sono un filtro per capire chi scrivi i primi e chi scrive le seconde. Nessun libro sarà mai uguale ad una recensione e la strada di mezzo che li separa è l’orto dove crescono le discussioni, i confronti e i caratteri delle persone.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: