Blogtours&Giveaway – I Dimenticati -Emmanuele Vercillo

Oggi sono lieta di presentarvi un libro davvero interessante per il blogtour organizzato da La tana dei libri sconosciuti, I dimenticati di Emmanuele Vercillo, un romanzo distopico in cui una grande e oscura maledizione ha colpito le terre di Sephenet e i pochi sopravvissuti vengono chiamati, appunto, i Dimenticati!

Un’oscura maledizione affligge le terre di Saphenet. I suoi abitanti, ormai da secoli, spariscono nel nulla, senza lasciare alcuna traccia. Le sue città si sono svuotate della loro vita. Nessuno solca più i suoi mari con possenti navi e tutto ciò che rimane è la desolazione di una terra vuota.
I pochi abitanti di questa terra abbandonata vengono detti Dimenticati: condannati a vivere in un mondo sempre più vuoto, costretti a trascinarsi fra i resti di quella che era, un tempo, una fiorente civiltà. Rodrick è uno di loro, pronto ad intraprendere un lungo viaggio che lo porterà a scoprire una storia sopita fra le nebbie del tempo, affrontando l’angosciante realtà di ciò che è sopravvissuto.

…e di seguito vi presento Rodrick e

dimenticatic’è una parola precisa che lo  descrive al meglio: stanco! Questo è l’aggettivo che, più di
qualsiasi altro, serpeggia in un uomo lasciato solo al suo destino; lo si sente nei suoi muscoli e nelle

sue ossa quando brandisce la spada o quando intraprende lunghi cammini che lo condurranno in
luoghi lontani.
Rodrick è giovane, anche se ha smesso di contare gli anni da diverso tempo, ma nonostante questo, il
destino e la maledizione lo hanno messo dinanzi alla perdita dei suoi cari prima che lui stesso fosse
pronto. Quando il piccolo villaggio in cui vive si è tramutato in un guscio vuoto, Rodrick ha
dimenticato cosa volesse dire curarsi della sua immagine riflessa, parlare con qualcuno o, persino,
riflettere sulle sue stesse azioni. I lunghi capelli neri testimoniano gli anni trascorsi senza curarsi del
suo aspetto. Il suo viso trasporta, nella sua espressione, un dolore che è quasi impossibile raccontare
e che, comunque, nessuno sarebbe pronto ad ascoltare.
Eppure c’è ancora qualcosa che lo muove: il ricordo. Una persona ormai scomparsa, tempo fa, ottenne
una promessa da Rodrick. Negli anni quella promessa è rimasta chiusa in un cassetto, nascosta ai suoi
stessi occhi, fino a che non è arrivato il momento di mantenere la parola data, quando ormai rimandare
era divenuto impossibile. Rodrick è animato dall’unico sentimento di non mentire a qualcuno che gli
era caro. Nel suo lungo viaggio, continuerà a vivere l’unica cosa che gli rimane, l’unico dialogo che
la sua vita ha reso significativo: una continua lotta con sé stesso, con i sentimenti che lo animano e
quelli che, immancabilmente, lo bloccano.
Questa parte di sé che continuamente combatte con le sue emozioni, si incarna nella sua mente in
quel suo vecchio amico perso molto tempo fa e per il quale affronta il suo viaggio. Per quanto possa
sembrare un uomo fragile, Rodrick è pronto ad affrontare qualsiasi pericolo grazie a quella forza che
trova dentro di sé e che trae dal ricordo di Edor.
Nel corso del suo cammino, Rodrick stesso scoprirà di avere potenzialità e capacità che nemmeno
credeva possibili. Eppure, le prove che lo attendono sono un ostacolo che pari quasi insormontabile,
ma dal quale lui non può tirarsi indietro.

Vi lascio con le prossime tappe e soprattutto buona fortuna per il giveaway

4 risposte a "Blogtours&Giveaway – I Dimenticati -Emmanuele Vercillo"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: