L’indomabile Giulia, figlia dell’imperatore Augusto. La pedina di vetro di Antonella Tavassi La Greca

La pedina di vetro di Antonella Tavassi La Greca

Biografia di Giulia figlia dell’ imperatore Augusto

Di Renzo Editore

Recensione Loredana Cilento

“In realtà sulla scacchiera della politica contavo come una pedina di vetro dei latrunculi, il gioco con il quale fin da bambina ero solita intrattenermi con mio padre. Ero diventata abile a impadronirmi con della pedina del Re, che conserva la libertà di movimento anche quando il giocatore perde la Regina”

La storia di Giulia figlia dell’Imperatore Augusto della scrittrice Antonella Tavassi La Greca, scomparsa nel 2008 e ripubblicata da Di Renzo Editore, dona un nuovo volto a una donna per molti giudicata di facili costumi, anche se molti storici ne hanno rappresentato le sue doti.

biografia-giulia-figlia-augusto
clicca per accedere

L’incontro di Giulia con la Tavassi ebbe luogo all’ Acquario Romano, tra i diversi busti marmorei ivi custoditi della Famiglia Iulia, e tra qui marmi spicca quella della figlia dell’Imperatore, Giulia.

Così ci siamo incontrate io e Giulia.

Giulia mi ha fissato dalla profondità delle sue orbite vuote.

Scrive così la Tavassi quando ricorda il busto della donna con la sua ampia e rigonfia acconciatura, bellissima nei suoi dettagli, e sono proprio questi dettagli scolpiti  nel marmo  che si evince il dono speciale che possiede Giulia. La scrittrice si prodiga a voler conoscere tutto di questa donna, bella e intelligente dalla sorte drammatica.

Arriva così nelle nostre mani un libro che oltre a dare chiarezza, ci illumina sulle grandi capacità di un personaggio all’ epoca scomodo e contraddittorio. Giulia chiede giustizia, non vendetta, giustizia.

Tra le pagine scopriamo innanzitutto il grande amore di un padre verso la figlia, capace di oltrepassare, sulle abitudini poco femminili – anzi la sostiene – per una donna romana del tempo, che alla tessitura preferisce lo studio e le arti e che all’età di dieci anni era già sfuggita a due matrimoni combinati.

Ma su quella scacchiera politica fatta di intrighi e tradimenti, è riservato alla sua antagonista: Livia, seconda moglie di Augusto che ha preso il posto della prima moglie ripudiata per sposarla.

Due donne diverse, ambiziose, figure certo, ingombranti per un uomo che doveva dividersi tra la genitorialità e il letto coniugale.

Tra sogni che si trasformano in incubi e la realtà, Giulia è pervasa da grande angoscia e inquietudine, ma non per questo si arrende mantenendo ferme le sue idee, ma che non ebbe modo di ribellarsi all’esilio o meglio la sua prigionia.

“Le coste del Latium sparirono subito nell’oscurità della notte, come ingoiate da un gigantesco mostro marino.”

I capitoli sul suo esilio sono drammaticamente intesi, un flusso narrativo potente ne delinea un elevato lirismo, grazie all’eleganza e soprattutto alla forza con cui la scrittrice ne imprime i dettagli emotivi di Giulia, persa in quel nuovo mondo che la ospita contro la sua volontà.

“Una donna resta viva nella sua immagine e nel segno che lascia nei figli. Dei miei figli già ho raccontato il destino che, fatta per eccezione di Agrippina, è stato malevolo. Della mia immagine non so cosa potrà salvarsi, ma mi commuove il rispetto che tanti mi conservano, nonostante l’oblio…”

Esiliata, cacciata, ridotta all’elemosina di Livia, sul suo petto grave una pesante sensazione, come il piombo, così lo definisce la Tavassi, come se sentisse quel peso che Giulia portava su di sé.

La morte di Giulia resta comunque adombrata dalle varie ipotesi che sono state tramandate, ma siamo certi che in questo libro scritto con così tanto trasporto ed empatia, possiamo trovarci dentro un po’ di quella grande figura che fu Giulia, figlia dell’Imperatore Augusto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: