Gli estratti dagli inserti letterari

Era prevedibile che nella settimana precedente al Nobel (il premio sarà assegnato giovedì 8 ottobre e annunciato come da tradizione alle 13:00 in punto) almeno uno degli inserti se ne occupasse.

“Robinson” gli dedica le pagine di apertura e fa anche di più, interpella dieci scrittori e ad ognuno fa consigliare il proprio preferito all’Accademia di Svezia che, come da tradizione, è completamente sorda ai consigli e anzi riesce sempre a stupire il mondo dei lettori tirando fuori nomi per lo più sconosciuti ai molti.

C’è Fernando Aramburu tra questi dieci, ma ci sono anche la Oates, la Ernaux, Hilary Mantel, Marilynne Robinson, Tom Stoppard, ko Un, Cormac McCarty, Pierre Michonv e Ngugi wa Thiong’o. Nomi di tutto rispetto direi, anche se ne mancano tanti altri.


Il premio ha vissuto un periodo di appannamento tanto che nel 2018, a causa anche di uno scandalo a sfondo sessuale, non fu assegnato e lo scorso anno ne furono assegnati come ben sappiamo due contemporaneamente a Olga Tokarczuk e a Peter Handke. Personalmente non ho un preferito, ma ammetto che mi diverte questa cosa di indovinare il probabile vincitore (senza presunzione dico che lo scorso anno azzeccai Handke e andai molto vicino alla Tokarczuk), non sono tra quelli che lo snobbano e aspetto sempre con ansia di conoscere il nome del premiato. Solitamente mi fa più piacere quando a vincere è un autore che non conosco o che conosco ma non ho letto i suoi libri, tipo Modiano tanto per intenderci, almeno ho la scusa buona per avere altri libri da scoprire.


Non so se vincerà uno dei dieci consigliati da “Robinson” e non ho idea di chi possa essere la sorpresa anche se un paio di nomi, che dirò nei prossimi giorni, mi frullano in testa, nel frattempo se avete voglia fate le vostre previsioni.
Per il resto su “Robinson” non ci sono recensioni che mi hanno incuriosito tranne la pagina dedicata a Francesco Biamonti che su segnalazione dei lettori è l’autore da riscoprire e di cui Rosella Postorino traccia un ottimo e intrigante ricordo.


Su “tuttolibri” non c’è traccia del Nobel (non credo lo snobbi e magari se ne occuperà a premiazione avvenuta) in compenso ci sono due bellissime pagine di apertura tratte dal saggio che il professor Alessandro Barbero ha dedicato al nostro DANTE.


Per gli amanti delle saghe si annuncia la pubblicazione in edizione economica della famosa “SAGA DEI CAZALET” di Elizabeth Jane Howard.


Molto interessante la recensione che Paolo Di Paolo dedica a “PAPÀ” di Régis Jauffrett già autore di “Microfiction” che ho ancora da leggere. Devo trovare assolutamente il tempo di leggerli entrambi.


Per le interviste agli autori segnalo quella a Robert Macfarlane a cura di Laura Pezzino incentrata soprattutto su “UNDERLAND” ultimo libro dell’autore inglese.
Mi sembra di aver detto tutto e come sempre vi auguro una buona domenica e tante buone letture.

Articolo a cura di L.V

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: