Mi hanno rapito gli zingari di Cristhian Scorrano e Marina Pirulli – Augh! edizioni

Mi hanno rapito gli zingari di Cristhian Scorrano e Marina Pirulli

Augh! edizioni, 2020

Recensione di Loredana Cilento

“Ripenso alla sorpresa e alla commozione che ho provato nel sentirmi accolto da questa famiglia, come se fossi uno di loro, fin dal primo istante. Il senso di calore, di comunità, di inclusione.”

Mi hanno rapito gli zingari di Cristhian Scorrano e Marina Pirulli, Augh edizioni , è il racconto di una sorprendente avventura, un viaggio on the raod, a bordo della sganghera Misericordia, attraverso i Balcani alla volta della tanto anelata Grecia, dove il giovane protagonista Luigi decide di trasferirsi, per iniziare una nuova vita.

Tratto da una storia realmente accaduta, l’avventuroso viaggio di Luigi sarà arrestato da un incidete occorso con la sua Misericordia, in Macedonia. Il giovane italiano verrà accolto da una comunità rom, che contrariamente al titolo, entrerà in un certo senso a far parte della famiglia.

Dubbi ed esitazioni sono al centro delle primissime pagine, gli stereotipi, i pregiudizi che da sempre accompagnano gli zingari, sono lo spartiacque tra queste comunità e il resto mondo, e non da meno, Luigi è attanagliato dalle incertezze e dalle paure di ciò che può accadergli.

L’ospitalità dei rom però prende il sopravvento sulle sue paure, basta poco a sfatare e a demolire i dubbi, certo la lingua è un ostacolo non da poco per la comunicazione, ma presto Luis/Luigi si avvicinerà al romains – lingua parlata dalla comunità- e il divario si accorcerà sempre di più.

Una galleria di personaggi multietnici, si alterneranno in un crescendo di situazioni paradossali talvolta fuorvianti che accresceranno nel protagonista la stima e il valore nella semplicità e nell’accoglienza di chi è da sempre giudicato negativamente.

Mi hanno rapito gli zingari è un libro che ci mostra finalmente quanto sia riduttivo generalizzare, etichettare intere etnie per pochi individui non onesti e che macchiano di pregiudizi tutti gli altri.

Emergono ancora le enormi difficoltà che il singolo individuo all’interno della stessa comunità, faccia fatica a esprimere se stesso: la diversità sessuale ad esempio.

il senso di appartenenza è il focus che ben viene eviscerato dalle pagine di questo diario di viaggio, essere parte di una famiglia che condivide quello che si trova giorno per giorno, ma anche riti, tradizioni, costumi.

Mi hanno rapito gli zingari è un libro brillante che racchiude, con una narrazione limpida e scorrevole, un contenuto dal forte impatto narrativo ed emotivo, un libro consigliato che apre prospettive diverse e sicuramente più vere, che abbattono i muri pregiudizievoli degli stereotipi.

Mentre mi perdo nei miei pensieri, sdraiato sul materasso, da fuori risuonano canti e musiche allegre: pare che ci siano feste un po’ dappertutto, o forse semplicemente amano ascoltare musica a tutto volume. Che differenza rispetto alla realtà in cui sono cresciuto! Qui nessuno sembra infastidito per il rumore, nessuno protesta o chiama le forze dell’odine per rivendicare il proprio diritto al riposo…Dov’è il sottile confine tra rispetto delle regole e umana tolleranza?

Cristhian Scorrano, viaggiatore alla ricerca e scoperta dell’animo umano, si occupa di iniziative con la finalità di mettere insieme e far condividere persone e culture differenti. Di base in Salento, attualmente viaggia per portare a spasso il suo progetto culinario Nomad Chef – Wandering Restaurant.

Marina Pirulli, traduttrice e operatrice olistica, dopo diversi anni di vita “nomade” si è stabilita a Roma. Ha tradotto libri dei più svariati generi, dal romanzo rosa al saggio scientifico, dall’autobiografia al racconto illustrato. Quando non lavora con le parole si dedica all’altra sua grande passione, gli esseri umani e la loro evoluzione interiore, attraverso lo Shiatsu e la pratica del Respiro Originario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: