Gli estratti dagli inserti letterari.

Articolo a cura di LV

L’8 gennaio ricorre il centenario della nascita di Leonardo Sciascia e “Robinson” lo ricorda dedicandogli delle bellissime pagine: dal viaggio che Enrico del Mercato fa in Sicilia e a Racalmuto, paese di nascita del grande scrittore siciliano; all’inedito dello stesso scrittore tratto da “Questo non è un racconto. Scritti per il cinema e sul cinema”; fino al ricordo della sua amicizia con il grande Jorge Louis Borges a cura di Pietro Melati.


Ha ragione Enrico del Mercato quando dice che “Sciascia è stato il più grande scrittore italiano del dopoguerra”? È un punto di vista, ma se non lo è stato sicuramente insieme a Pasolini, Calvino e Pavese è tra i più grandi. Per chi non lo avesse mai letto la notizia è che dal 7 gennaio ogni giovedì, per venti settimane, con “Repubblica” troverete in edicola un suo libro.

Si comincia con “A ciascuno il suo” e si finisce il 20 maggio con “Fatti diversi di storia letteraria e civile” e in mezzo i più grandi capolavori dello scrittore siciliano. Io li ho tutti. Ora tocca a voi.


Andiamo a “TUTTOLIBRI” che dedica copertina e intero numero ai “cento libri da leggere nella vita”. Non è una classifica, badate. Sono 100 consigli di altrettanti scrittori e intellettuali e la cosa divertente, più che altro, è la curiosità di dire: “vediamo quanti ne ho letti”?


Bene, ne ho letti 49 di cui alcuni più volte (vedi Odissea, Decameron, Don Chisciotte, Il Conte di Montecristo), mentre ce ne sono altri di autori di cui ho letto altro (vedi per esempio Juan Rulfo di cui viene citato “La pianura in fiamme” mentre ho letto “Pedro Paramo”). Divertente. Mi piace. E ancora più interessante è segnarsi alcuni titoli che non hai mai letto o rimandato la lettura: “Pensieri” di Marco Aurelio, per esempio; oppure “Saggi” di deMontaigne o, perché no, “Phineas Finn” di Anthony Trolloppe e “Fame” di Knut Hamsun; per arrivare a “I passages di Parigi” di Walter Benjamin.


Curiosa la presenza tra i 100 di Pellegrino Artusi e il suo “La scienza in cucina”. Lo segnala Marco Malvaldi, ma non so se lo metterei tra i libri da leggere o da consultare al bisogno. Mi ha fatto piacere trovare tra i cento “La piazza de diamante” di Mercé Rodoreda, libro che non mi stancherò mai di consigliare, “IViceré” di De Roberto e autori russi che ho amato come Gogol e Puškin. Poi ci sono libri che ignoravo e libri che non leggerei mai. De gustibus…
Insomma, “tuttolibri” oggi più che da commentare sarebbe assolutamente da leggere.
Ci sarebbe da commentare pure la classifica dei 100 libri più venduti del 2020 che vede al primo posto “Cambiare l’acqua ai fiori”.

Non mancano le sorprese e mi astengo dal fare le mie considerazioni…
Ritorno a “ROBINSON” per segnalare un noir recensito e promosso da Giancarlo De Cataldo, “I RE DELLA TRUFFA” di Sara Paretsky, e che l’autore da riscoprire Luigi Malerba, l’autore che ispirò Monicelli per il suo “L’Armata Brancaleone”.
È tutto e come sempre vi auguro una buona domenica e tante buone letture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: