Acqua di mare di Charles Simmons- Edizioni Sur

Nelle favole c’è sempre una pozione magica che ti addormenta. Appena ti svegli, ti innamori della prima persona che incontri. Non c’è metafora dell’amore più perfetta di questa. L’amore è arbitrario, inspiegabile e crudele. È anche transitorio. Una cosa tanto irrazionale non potrebbe mai durare a lungo». «Non è irrazionale che io sia innamorato di Zina. È la ragazza più bella che abbia mai visto». «Proprio qui ti volevo. Zina è la ragazza più bella che tu abbia mai visto perché ti sei innamorato di lei». «Era bella anche prima». «E, se è concesso sapere, quando ti sei innamorato?» «Appena l’ho vista».

Che dire di questo libro se non che è un piccolo capolavoro!

Il suo incipit poi lo ha reso fin da subito accattivante e straordinario “Nell’estate del 1963 mi innamorai e mio padre annegò.”

Se no l’avete letto ve lo consiglio caldamente!

Charles Simmons Acqua di mare, traduzione e postfazione di Tommaso Pincio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: