Gli estratti dagli inserti letterari.

Il 17 marzo ricorrono i 160 anni dell’unità d’Italia e “Robinson” omaggia l’evento con le prime undici pagine.

Articolo a cura di LV

Per quel che concerne i libri bisogna andare a pagina 14 per trovare il primo libro interessante. Trattasi de “IL MILITANTE” di Viet Than Nguyen e la recensione è affidata a Melania Mazzucco. La recensione è accattivante, ma il voto non va oltre le 2⭐️ e mezza.

3⭐️ se le prende il premio Goncourt “L’ANOMALIA” di Hervé Le Tellier. “Una storia ad alta quota tra realtà e fantasia, letteratura e scienza. Ispirata al maestro Calvino”, dice Fabio Gambaro che lo recensisce.

Susanna Nirenstein invece si occupa de “LA CASA SULL’ACQUA” dell’autrice israeliana Emuna Elon. Romanzo interessante che, tuttavia, non va oltre le 2⭐️e mezza.

L’autore da riscoprire secondo “Robinson” e Paolo Mauri che lo ricorda è Carlo Levi famoso autore di “Cristo si è fermato a Eboli”.

Notevole e tutta da leggere l’intervista di Antonio Gnoli a Silvio Ramat autore di una “Storia della poesia italiana del Novecento”.

“Tuttolibri” dedica la copertina a Truman Capote di cui arriva in libreria l’epistolario “È DURATA POCO LA BELLEZZA”. Lo recensisce Nicola Lagioia.

Prime pagine interne dedicate a “THE SPANK” opera teatrale di Hanif Kureishi già autore di “IL BUDDA DELLE PERIFERIE”. Il libro viene presentato da Valerio Binasco, regista e attore nella pièce, mentre l’intervista all’autore è a cura di Raffaella Silipo. “In palcoscenico sculaccio i maschi di mezz’età” così l’autore presenta “The Spank”.

“PRIMA PERSONA SINGOLARE” è l’ultima fatica letteraria di Murakami Haruki, otto racconti in prima persona “su come il caso si diverte a scombinare la vita della gente comune”. Entusiasmante la recensione di Laura Imai Messina.

Altrettanto lo è quella che Federica Manzon dedica a “SOLDATO TARTARUGA” di Melinda Nadj Abonji, ambientato nei Balcani in guerra.

L’autrice da riscoprire per “tuttolibri” e Giuseppe Scaraffia che la presenta è Louise Michel che “edizioni Clichy” riporta in libreria con “LA COMUNE”. Una vita molto travagliata quella di Louise Michel che viene definita “pioniera del femminismo”.

Con questo è tutto e come sempre vi auguro una buona domenica e tante buone letture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: