Tra immoralità e giustizia, Clodio il nuovo romanzo di G. Middei – Navarra editore

Titolo: Clodio

Autore :  G. Middei

Editore: Navarra Editore

Recensione di Loredana Cilento

“In passato i nostri poeti componevano versi per celebrare gesta eroiche, grandi azioni civiche, adesso, e questo è il segno della degenerazione dei tempi in cui viviamo, i poeti non reputano più queste cose degne d’interesse, cantano di donne e di passioni vergognose e il pubblico si compiace di ascoltarli, segno che anche il nostro gusto si è corrotto. ”

Tutto ha inizio quando Publio Clodio Pulcro, appartenete a una tra le più importanti gens romane si introduce, travestito da donna, nella dimora di Cesare, per incontrare la sua amante Pompea, durante una cerimonia sacra, scoperto, subisce il processo, ad accusarlo violentemente è il suo acerrimo nemico Cicerone, dopo la congiura di Catilina, Cicerone testimonia contro di lui.

G.Middei nel suo esordio letterario, ripercorre le fasi del processo: tra accuse e false testimonianze Clodio fu prosciolto grazie all’aiuto di Crasso.

Siamo nel 62 a.C, la società romana è divisa tra la plebe che popola la Suburra e i potenti che ostentano lusso e opulenza, Clodio è deciso a vendicarsi, incalza il popolo a legittimare i propri diritti sul Senato, deciso a guidare gli indifesi, si fa eleggere tribuno, abiura le nobili origini di patrizio ed esegue una transitio ad plebem. consacra un’allenza con i triumviri Cesare, Pompeo e Crasso

“In quegli ultimi tempi, a causa delle amarezze subite, alla pena si sommava la rabbia: quella gente rassegnata, incapace di mutare da sé il proprio destino suscitava in lui un moto di collera.”

Un ritratto quello di Clodio e della società romana, lucido, appassionato, stilisticamente impeccabile, G.Middei in questo suo esordio ci restituisce un personaggio, reso dalla storia come una figura ambigua, contraddittoria, umano ma implacabile nel perpetrare la sua vendetta, gettando un’oscurità sulla sua ascesa e sulle sue relazioni politiche, un uomo che non poteva però restare indifferente davanti ai torti alle prepotenze che quotidianamente la povera gente subiva.

Clodio combatte con i suoi demoni interiori, il disprezzo del padre, l’invidia per il fratello, le sensazioni di smarrimento e incontrollabile angoscia, pervadevano l’animo inquieto di un uomo che nonostante le sue ambizioni lo rendono, sotto un certo punto di vista, fragile, e lo spingono a perdere di vista il suo obiettivo per dare spazio a sentimenti e azioni ai limiti dell’immoralità, senza alcun perdono.

Una lettura appassionante, coinvolgente, che attingendo alla storiografia romana, passo dopo passo incontriamo i personaggi e gli eventi che hanno inciso sulla mutazione dell’assetto politico e socioeconomico della Repubblica romana, dalla congiura di Catilina alla conquista dei tesori di Cipro per finanziare la legge frumentaria assicurando all’erario una ingente entrata economica.

“Se adesso ripensava ai suoi rapporti con Cesare, non poteva fare a meno di essere indignato con sé stesso. Aveva creduto di aver trovato nell’uomo più anziano uno spirito affine… ed era stato soprattutto il bisogno di non essere più solo ad averlo spinto così incautamente nella sua orbita. ”

G. Middei ha conseguito una Laurea in storia, scrive sulla pagina Facebook Professor X, la sua passione per la scrittura e diversi articoli a carattere divulgativo hanno dato vita a un romanzo storico davvero prezioso, con una scrittura evocativa e suggestiva il lettore si ritrova catapultato nella suburra romana, tra afflitti e invisibili, alle domus patrizie tra fasti e spregiudicata opulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: