Gli estratti dagli inserti letterari

Articolo a cura di LV

“HO L’IMPRESSIONE CHE LA LETTERATURA ITALIANA SIA PRECIPITATA IN UNA CONDIZIONE DI MISERIA DELLA QUALE SEMBRA NON CI SI RENDA CONTO”.

È la risposta che Fausto Curi, professore emerito all’università di Bologna ma conosciuto come uno tra i migliori critici letterari, dà ad Antonio Gnoli che lo intervista per “Robinson” e che oggi mi sembra la notizia più interessante degli inserti letterari.
Curi si era laureato con una tesi su Corrado Govoni e il grande Poeta lo invitò a Roma, a casa sua. In una domanda precedente risponde rivelando che conserva alcune lettere del poeta e spesso si chiede se avrebbe senso pubblicarle. Gnoli gli chiede: Perché? Quella sopra è la risposta.
Come dargli torto? Chi, o in quanti, sarebbero curiosi di leggere l’epistolario tra Curi e Govoni?
Restando nel tema epistolare Federico Bertoni, su “tuttolibri”, recensisce “LETTERE” di Italo Svevo dove spiccano quelle intercorse con il grande Joyce.
Già che ci sono rimango su “tuttolibri” per segnalare “LÉON” di Carlo Lucarelli con una nuova avventura dell’ispettrice Grazia Negro.
Ovviamente “tuttolibri” non ci fa mancare le ormai famose interviste agli autori e questa settimana è Judith Schalansky con “IL BLU NON TI DONA” a concedersi a Laura Pezzino. La Schalansky è presente anche su “Robinson” ma nella recensione di Mariarosa Mancuso non va oltre le 2⭐️.
Presente in entrambi gli inserti è pure “IL CODICE DELL’ILLUSIONISTA” crime svedese scritto a quattro mani da Camilla Läckberg e Henrik Fexeus. Su “Robinson” se ne occupa Giancarlo De Cataldo che gli assegna 2⭐️e mezza su “tuttolibri” Gabriella Genisi.
Completo “tuttolibri” segnalando un libro di cui ho letto tantissimi pareri positivi che tra l’altro ha ricevuto in Francia il “premio Goncourt opera prima”. Si tratta di “MEZZA NUDA” di Marie Gauthier recensito da Veronica Raimo e, infine il giallo americano “TEMPI DIFFICILI” di Les Edgerton per il quale ne scrive il grande Joe R. Lansdale.
Ritorno su “Robinson” dove Emmanuel Carrère continua il reportage sul “processo Bataclan”.
Per le recensioni mi ha colpito in particolare quella che Viola Ardone dedica a “IL GUARDIANO NOTTURNO”, a cui assegna 3⭐️, di Louise Erdrich con il quale ha vinto il prestigioso Pulitzer.
3⭐️ e una bella recensione da parte di Nadeesha Uyangoda, se li guadagna lo scrittore iracheno Usama Al Shahmani con il memoir “IN TERRA STRANIERA GLI ALBERI PARLANO ARABO” sul problema della lingua per chi è costretto a vivere in esilio.
Non ha bisogno di presentazioni il compianto Roberto Galasso di cui, postumo, arriva in libreria “CIÒ CHE SI TROVA SOLO IN BAUDELAIRE” un saggio “sull’enigma del grande poeta francese”.
Con questo mi sembra di aver detto tutto e come sempre vi auguro una buona domenica e tante buone letture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: